Esecuzioni Immobiliari: l'ausiliario nominato deve possedere una idonea struttura organizzativa
Raccomandazioni del Consiglio Superiore della Magistratura per l'attuazione delle buone prassi. La riforma del processo esecutivo immobiliare ha trovato un impulso determinante dall'attività di tre figure professionali:

il perito estimatore
il custode
il delegato alla vendita.

Normalmente i Giudici dell'esecuzione procedono alla nomina di tali ausiliari attingendo da appositi elenchi formati dai nominativi dei professionisti, iscritti agli Ordini professionali, che posseggono particolari requisiti di competenza ed hanno manifestato la propria disponibilità mediante domanda di iscrizione.
Nella scelta dei collaboratori i Giudici hanno come obiettivo di assicurare la migliore efficienza del sistema ed ottenere un elevato standard qualitativo delle prestazioni offerte.
Affinchè sia possibile raggiungere un tale risultato, gli iscritti a tali elenchi devono impegnare nell'attività le proprie migliori risorse professionali ed i Giudici debbono poter scegliere tra gli stessi cercando di valorizzarne l'impegno.
L'attività di questi professionisti è normalmente sottoposta all'attenzione di tanti soggetti qualificati interessati alle attività esecutive: legali dei creditori ed eventualmente del debitore, soggetti,... [continua sul sito] Fonte: Approforndimento Ateneo