Nuovo antiriciclaggio: la segnalazione di operazioni sospette
L'obbligo di segnalazione delle operazioni sospette (SOS) non è correlato ad alcuna soglia e si applica quindi a prescindere dal valore dell'operazione.
L'articolo 48 del decreto prevede l'adozione di procedure e sistemi interni affinché anche dipendenti e collaboratori effettuino una prima valutazione delle operazioni richiamando quanto già indicato in altri documenti circa la formazione del personale di studio.
Si rammenta che l'articolo 42 prevede che i soggetti che si trovano nell'impossibilità oggettiva di effettuare l'adeguata verifica della clientela si astengono dall'instaurare, eseguire o proseguire il rapporto, la prestazione professionale e valutano se effettuare una SOS alla UIF a norma dell'articolo 35. In ogni caso i dati del segnalante vengono tutelati e non rivelati ad altri soggetti.
Le disposizioni sulla SOS - articolo 35 del decreto



quando inviare la segnalazione
prima di compiere l'operazione


in base a quali elementi
considerazioni
indizi
quando sanno, sospettano o hanno motivi ragionevoli per sospettare... [continua sul sito] Fonte: Approforndimento Ateneo